Aule insalubri - AulaSana - Un respiro pulito nelle nostre scuole

Vai ai contenuti

Menu principale:

Aule insalubri


Aule insalubri:  le ricerche scientifiche lo confermano

Sono circa 439.000 le aule d'insegnamento del sistema scolastico italiano (università escluse). La maggior parte di queste sono ospitate in strutture che hanno più di 30 anni, con numerosi casi di edifici scolastici che superano il secolo di età. Nella maggior parte delle scuole non è previsto alcun sistema di ventilazione dei locali, in una parte è prevista ventilazione naturale e solo in una minoranza assoluta di casi - di solito gli edifici più recenti - è stato installato un sistema di ventilazione meccanica controllata che permette di dare la giusta qualità di aria ai polmoni degli studenti e degli insegnanti.

Apriamo una parentesi per spiegare come l'ambiente "aula scolastica" sia il più critico, sotto il profilo della salubrità, tra i diversi ambienti umani indoor: lo è per almeno quattro fattori:

  - l'alto numero di persone che vi respirano (in media 20-25 studenti + 1);
  - il ridotto volume dell'aula (di solito 130-180 metri cubi), inferiore a quello di un medio
    appartamento;
  - la lunga permanenza continuativa giornaliera (da 5 a 8 ore, nei giorni di scuola)
  - l'età degli studenti, in fase evolutiva, con conseguenti rischi maggiori.

Vi sono ambienti come un cinema, una chiesa, un centro commerciale, dove il numero delle persone presenti è ben maggiore, ma la permanenza e le grandi volumetrie (che fanno da riserva d'aria) ne riducono la criticità; comunque in questi ambienti è quasi sempre presente un sistema di ricambio automatico dell'aria.

Nell'aula scolastica media abbiamo invece
condizioni critiche dopo soli 15 -20 minuti di lezione, con i seguenti problemi che sono tratti dalla recente ricerca europea H.E.S.E. (Health Effects of School Environment)






 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu